STUDIO MEDICO POLISPECIALISTICO SAN FRANCESCO
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button
  • Slide title

    Write your caption here

    Button

Benvenuti

"Lo Studio Medico San Francesco e' un poliambulatorio che con i suoi oltre ottanta specialisti e la diagnostica strumentale si propone di soddisfare le vostre richieste in ambito terapeutico "

 

i nostri recapiti: 
0121 396464 - 0121 462136 - 0121 390681 - 0121 462135

CARDIOLOGIA ADULTI

Dr. Antonino PREVITI
Dr.ssa Paula CARVALHO

 

CARDIOLOGIA PEDIATRICA

Dr.ssa Simona GALA

Dr. ssa Paula CARVALHO

Si eseguono:

  • Visite con ECOCARDIOGRAMMA ED ELETTROCARDIOGRAMMA con referto immediato
  • ELETTROCARDIOGRAMMA SOTTO SFORZO o TEST CICLO ERGOMETRO
  • ELETTROCARDIOGRAMMA semplice (ECG)
  • HOLTER CARDIACO E PRESSORIO
  • ECOCARDIOGRAFIA semplice

Per saperne di più:

infarto del miocardio

QUALI SONO I SINTOMI PREMONITORI DELL'INFARTO MIOCARDICO?
Dolore al petto che compare sotto sforzo e scompare dopo pochi minuti dalla cessazione dell’attività.

In altri casi dolore a riposo che dura qualche minuto, poi scompare per ripresentarsi dopo poco.

COSA FARE?

Chiamare subito il 118.

PERCHE ALLARMARSI SUBITO?

Il dolore al petto che dura qualche minuto, (specie in persone con molti fattori di rischio) va sempre visto con sospetto. In caso di infarto il fatto di recarsi prontamente in ospedale serve per iniziare molto precocemente le cure ed essere in un ambiente protetto nel caso si verificassero aritmie del cuore pericolose (che si possono avere nelle fasi acute dell’infarto).

I FATTORI DI RISCHIO?
Oltre all’età i fattori di rischio principali sono : l’ipertensione, il fumo, il colesterolo alto, il diabete, l’obesità, o la predisposizione genetica per infarti (famiglie dove spesso vi sono infarti sotto i 50-55 aa).

COSA FARE?

Curare bene i fattori di rischio per prevenire gli eventi.

Prestare molta attenzione a disturbi sopra elencati ed attivarsi prontamente alla loro comparsa.

IPERTENSIONE ARTERIOSA, COSA E’:

L’aumento della pressione nelle arterie.

QUALI SONO I VALORI NORMALI?

Valori inferiori o uguali a 140 per la pressione massima ed inferiori ad 80 per la minima.

COSA FARE?

Mangiare poco salato. Perdere peso. Svolgere attività fisica.

Soffio cardiaco

Il riscontro di un soffio cardiaco è frequente nel bambino con una prevalenza dal 50% al 90% a seconda dei dati della letteratura e della fascia di età considerata . Spesso questi soffi vengono identificati dal cardiologo pediatra come soffio “innocente o funzionale

Ma cosa sono questi "soffi funzionali" e perché si manifestano così frequentemente nei bambini?

I soffi funzionali sono rumori che il sangue produce passando attraverso un cuore anatomicamente normale. Si tratta cioè di turbolenze di flusso che non riconoscono nella loro genesi alcuna anomalia. Diagnosticare un soffio funzionale equivale a dire che il cuore non ha alcun problema e che il bambino può compiere l’attività fisica che desidera.

Per quale motivo questi soffi sono così frequenti nell'età pediatrica?

Nel bambino sono presenti alcune caratteristiche che favoriscono l'insorgenza del fenomeno: l'elasticità della gabbia toracica, l'assenza di alterazioni del contenuto aereo dei polmoni, l'esilità delle strutture che separano il cuore dall'orecchio dell'auscultatore fanno sì che sia possibile percepire anche rumori molto deboli. Inoltre, l'elevata frequenza cardiaca tipica dell'età pediatrica e la minor viscosità del sangue dei bambini, dovuta all’anemia (basso contenuto di globuli rossi) fisiologica, fanno in modo che si creino più facilmente delle turbolenze che generano i nostri famosi soffi funzionali . Qualora il pediatra non sia in grado di riconoscere il soffio come innocente o patologico è opportuno prescrivere una visita cardiologia con elettrocardiogramma ed ecocardiogramma con il quale sarà possibile stabilire la corretta diagnosi. Il soffio non è dunque di per se una cardiopatia.

Share by: